SERVIZIO CLIENTI 011 2730000

ISO 75

Guida alla normativa ISO 75 e al test HDT polimeri

La normativa ISO 75 comprende un insieme di standard ISO 75-1, ISO 75-2 e ISO 75-3 sviluppati dall’International Standards Organization per determinare la temperatura di deflessione (HDT – Heat Deflection Temperature) delle materie plastiche sotto carico.

La temperatura di deformazione sotto carico rappresenta un parametro fondamentale nell’analisi delle proprietà termiche di un polimero, poiché consente di valutare le prestazioni e la resistenza dei materiali plastici e termoplastici alle variazioni termiche. Le prove HDT sui polimeri, più precisamente, permettono di identificare la temperatura massima a cui un materiale può essere esposto per brevi periodi senza compromettere la sua integrità strutturale. Questo indicatore è strettamente correlato alla temperatura di rammollimento Vicat, un altro valore cruciale nel contesto della termoplastica. Mentre la HDT valuta la resistenza meccanica di un materiale, il punto Vicat offre una prospettiva più vicina al suo effettivo punto di fusione o rammollimento.

Scopo della normativa, nelle sue parti essenziali, è quello di definire specifici materiali e condizioni di test. Più precisamente:

ISO 75-1 | Metodo di Prova Generale

La parte 1 della normativa definisce il metodo di prova generale per valutare la temperatura di deflessione sotto carico, attraverso un test di sforzo di flessione su tre punti. L‘ISO 75-1 fornisce linee guida precise sulle modalità di esecuzione di questa prova, stabilendo i criteri specifici per la preparazione dei campioni e la selezione dei carichi costanti.

Questi parametri sono adattati alle differenti proprietà e alle varie tipologie di materiali plastici, consentendo una valutazione accurata della loro resistenza alla deformazione sotto carico a temperature elevate. In particolare, questa sezione della norma definisce i requisiti relativi ai campioni da utilizzare, specificando dimensioni e geometrie necessarie per garantire la validità dei risultati. Inoltre, stabilisce i carichi costanti da applicare ai campioni durante il test, permettendo una valutazione uniforme delle proprietà termiche dei diversi materiali.

Questa metodologia standardizzata offre agli operatori del settore una guida affidabile per eseguire test ripetibili e confrontabili, facilitando la selezione dei materiali più adatti per specifiche applicazioni e garantendo una maggiore coerenza nei risultati ottenuti dai laboratori. La conformità ai dettami dell’ISO 75-1 è essenziale per assicurare la qualità, l’affidabilità e la sicurezza dei materiali plastici impiegati in una vasta gamma di settori industriali, contribuendo così a migliorare le prestazioni e la durabilità dei prodotti finali.

ISO 75-2 | ISO 75-3 | Materie Plastiche specifiche

Le parti 2 e 3 della normativa costituiscono un’estensione fondamentale. In particolare, queste sezioni offrono linee guida dettagliate per valutare il comportamento termico di materiali platici specifici sottoposti a carico costante e a temperature elevate.

La ISO 75-2 si focalizza sulla valutazione di materiali come ebanite e altri laminati termoindurenti ad alta resistenza. Questi materiali hanno proprietà termiche e meccaniche uniche, e la norma definisce metodi specifici per determinarne la temperatura di deflessione HDT. La standardizzazione di queste procedure è centrale per garantire che questi materiali, spesso utilizzati in settori come l’elettronica o l’ingegneria meccanica, rispettino gli standard di qualità e prestazione.

La ISO 75-3, invece, si concentra sulle plastiche rinforzate con fibre lunghe. Questi materiali presentano una struttura complessa che include fibre di rinforzo, offrendo prestazioni meccaniche superiori rispetto ai polimeri convenzionali. La normativa stabilisce metodi specifici per testare la loro resistenza termica sotto carico, essenziali soprattutto nell’ambito dell’industria automobilistica, aeronautica e nella produzione di componenti ad alte prestazioni.

Importanza della normativa ISO 75 e delle prove HDT Polimeri

Come abbiamo visto, la normativa ISO 75 stabilisce i protocolli, i dettagli e i metodi di esecuzione validi per individuare la temperatura di deflessione HDT delle materie plastiche sotto carico. Questo è un aspetto critico, a garanzia della sicurezza e dell’affidabilità di numerosi prodotti.

Determinare la HDT Polimeri fornisce informazioni cruciali sul comportamento delle materie plastiche quando sottoposte a temperature elevate e stress meccanico simultaneo. Questo parametro indica la temperatura alla quale un materiale inizia a deformarsi sotto un carico specifico, permettendo agli ingegneri di comprendere le prestazioni del materiale in condizioni termiche estreme. La determinazione dell’HDT secondo l’ISO 75 consente, in altre parole, di garantire che i materiali plastici utilizzati mantengano la loro forma e integrità strutturale in applicazioni dove sono esposti a temperature elevate. Ciò è essenziale per la sicurezza e l’affidabilità dei prodotti finali, specialmente in settori come l’automotive, l’elettronica e l’ingegneria dei materiali.

Per questo, la HDT viene ampiamente utilizzato come parametro guida nella progettazione di componenti che operano in condizioni termiche critiche. Tale valore consente di selezionare i materiali più adatti per specifiche applicazioni e di sviluppare nuove soluzioni per rispondere a esigenze specifiche. Materiali con una HDT più elevata sono preferiti in contesti dove vengono esposti a temperature elevate, garantendo prestazioni ottimali e maggiore resistenza alle deformazioni.

In un tale contesto il rispetto della normativa ISO 75 garantisce che vi siano i requisiti specifici di qualità e forma stabiliti dall’International Standards Organization e che i materiali rispettino gli standard di resistenza e comportamento termico necessari per gli impieghi desiderati, in svariati settori industriali, come abbiamo visto nell’articolo “Il metodo di prova HDT ISO 75 e lo sviluppo dell’industria dei polimeri” che indichiamo a seguire..

HDT ISO 75

Il metodo di prova HDT ISO 75 e lo sviluppo dell’industria dei polimeri

La prova per determinare la temperatura di deflessione delle materie plastiche sotto carico, definita dallo standard internazionale HDT ISO 75, fornisce informazioni fondamentali sul comportamento dei materiali plastici e termoplastici alle variazioni termiche e sotto stress meccanico simultaneo, permettendo di analizzarne e prevederne il comportamento in ambiti specifici di applicazione.

Scopri il prodotto di questo articolo

AMSE HDT/Vicat

AMSE propone una gamma completa di strumenti scientifici per la determinazione delle temperature HDT e Vicat dei materiali polimerici.

AMSE S.r.l.

Strada della Cebrosa 86
10156 Torino (TO) – Italia

Telefono: +39 011 2730000
Fax: +39 011 2740458
E-mail info@amse.it

Contattateci per conoscere i
riferimenti del nostro Agente di
zona più vicino alla vostra sede.

 

SIAMO PRESENTI SU MEPA

MePa – Portale acquisti delle Pubbliche Amministrazioni

CUSTOMER SERVICE

  • +39 011 2730000
  • info@amse.it

 

©2020 AMSE S.R.L. Partita Iva 09762820018 – SDI A4707H7 – S.C.I.A. 00028661 del 21/09/2020 – C.C.I.A.A. di Torino – REA TO-1078594 – Privacy policyCookie Policy

Amse